Una Storia d'Imelda



Una Storia d'Imelda


Lo spettacolo, che parla a grandi e piccini, propone alcune questioni legate al fascismo in Italia, alla lotta di Resistenza, alla Liberazione considerando quei tempi e quelle questioni mai passati né risolti, spostando quegli eventi dalla sfera di un mito che può apparire lontano ed intangibile alla concretezza del linguaggio popolare e divertente dei burattini...l'idea e il testo hanno avuto riconoscimenti informali importanti da parte di personalità della cultura nazionale.

uno spettacolo con burattini che oggi racconta una storia di ieri, mai conclusa, anzi una storia presente"
Lo spettacolo, che parla a grandi e piccini, propone alcune questioni legate al fascismo in Italia, alla lotta di Resistenza, alla Liberazione considerando quei tempie quelle questioni mai passati né risolti, spostando quegli eventi dalla sfera di un mito che può apparire lontano ed intangibile alla concretezza del linguaggio popolare e divertente dei burattini...l'idea e il testo hanno avuto riconoscimenti informali importanti da parte di personalità della cultura nazionale.

Elis e Maurizio scoprono di avere una zia in comune, Imelda, nota affabulatrice di famiglia. Quella che i burattinai mettono in scena è una delle storie preferite dalla zia e che per questo ha ispirato il titolo dello spettacolo. 

Dalla fine della prima guerra mondiale, tre poveracci, Sandrone e il suo asino Italo, Fagiolino e Mario non sanno come sbarcare il lunario, ma Mario eccelle in scaltrezza e per questo il ricco cav. Duzio lo coopta nella nuova formazione che riporterà l'Italia agli antichi fasti "le camicie nere".

Ben presto si saprà come i camerati ottengono il potere, e Mario ridurrà Sandrone in schiavitù ricattandolo dopo aver rapito Italo. Passeranno vent'anni. La dittatura, e poi ancora guerra e miseria. Ma i regimi nazi-fascisti crollano sotto i colpi degli alleati e della Resistenza. Il feldmaresciallo Jurghen Purghen scappa e così sta per fare Mario, ma Mariù, Fagiolino e Sganapino partigiani libereranno Sandrone e Italo.

Evviva!

Ma che fine fanno fascisti e nazisti? E il cav. Duzio che ha attraversato la storia nel suo bel cappotto grigio dove è?...ma è Festa di Liberazione! Evviva!

Ma è Festa? Ma è Liberazione? E' una storia d'Imelda, ma...nel buio che attraversa il tempo, forse una luce, dà forma ad una speranza....

la zia, che raccontando ci insegna a resistere in questo presente.

 

   

Soggetto: Maurizio Mantani

Drammaturgia: Elis Ferracini,Maurizio Mantanie Romano Danielli

Scultura burattini: Rimes Ferracinie Maurizio Mantani

Costumi: Carmela Gaglianoe Maurizio Mantani

Fondali: Marco de Barba

Oggetti e allestimento: Maurizio Mantani

Animatori: Maurizio Mantanie Elis Ferracini

Collaborazioni all' allestimento: Sara Goldoni e Sandra Pagliarani.

Personaggi:

Sandrone

Italo il somaro

Fagiolino

Mario lo stagnino (poi camicia nera)

Mariù

Il Cavalier Duzio

Sganapino

Il feldmaresciallo Jurgen Purghen

Don pentino

 

Ringraziamo per la vicinanza e i contributi alle nostre passioni Riccardo Paccosi, Fabio Mangolini, il prof  Remo Melloni, Saverio Ferrari e Wu Ming 1

 



e-max.it: your social media marketing partner